Bikers, polo and skaters in Salinella

Bikers, polo and skaters in Salinella

“The Howlers was found as Association after a tragic event: the death of a young boy on a bike, run over by a car.
The first aim was to spend time together promoting the use of the bicycle in a city like Taranto were the private transport is almost the only way to move.
A lot of young people already started to meet ones a week (on Thursday) before that tragic event, just to share the common passion for the bicycle. The movement started to increase and a small bunch became quickly a huge group, sometimes a real river of people running through the streets of Taranto.
The occasions to share this common passion became always more: Sunday evening, lunch breaks, parties, photo shows, small trips together…all this was moved through the “chains” of the bikes that should never stop!
To be an Association means for us to work together sharing ideas for a common goals: Taranto should become a more human city, liveable and safety. This is just a “flying goal” that we want to reach to go on and on. But the bicycle is not only a “social way to share”, is a real sport, far away from the star system. So the AdV HOWLERS started to cultivate the passion for the bike-polo.
The discipline was so fascinating that we decided to organize, connected to other national groups, a first competition called Polo Sud.
Strong of what we reached, we often tried to suggest to the local administration to take part actively at the recover of the skating rink (placed in the district Salinella) that we try to “bring to life” every Sunday, not only as a mere sport place, but even more as a cultural collector and a place of aggregation”.

The HOWLERS bike group, Taranto.

“Gli Howlers prima che essere un AdV sono l’esigenza di condividere insieme del tempo attraverso la passione comune della bicicletta.
Già prima del tragico evento che ci ha portati a diventare associazione, molti di noi s’ncontravano il giovedì sera per pedalare, e quelle pedalate hanno unito persone diverse che forse mai si sarebbero conosciute se non in sella ad una bicicletta, l’unione ha sviluppato le idee ed il giovedì è diventato, a momenti alterni un fiume di persone in bicicletta. Il giovedì è diventato poi anche domenica pomeriggio, a volte un break per pranzo, una festa, una mostra fotografica, una proiezione cinematografica, un piccolo viaggio … tutto tenuto insieme da una catena che deve girare continuamente.
L’essere associazione ci permette di unire i propositi cercando di convogliarli verso la realizzazione di una città più a misura di bicicletta, quindi più umana, più vivibile, più sicura che per noi resta un traguardo volante, da raggiungere per poi continuare la corsa.
L’essere associazione ci ha permesso di interloquire con le amministrazioni e interagire con le altre realtà associative del territorio (e non solo).
Ma la bicicletta oltre ad essere “condivisione sociale” è anche sport, quello lontano dai pettegolezzi e dei grandi ingaggi. E’ proprio in questo spirito che l’ AdV theHOWLERS ha sviluppato in poco tempo la passione per il bikepolo. Questa disciplina è talmente coinvolgente che in maniera naturale è venuta creandosi una “branchia” degli Howlers con competenze specifiche che alimentate quotidianamente, e maturata anche con l’esperienza fuori dai confini della città, ci ha portato ad organizzare un primo torneo Nazionale: PoloSud.
Alla luce dei nostri risultati più volte abbiamo fatto chiesto all’amministrazione pubblica di essere parte attiva nella rivalutazione di uno spazio ricco di potenzialità come la pista di pattinaggio, che di domenica in domenica cerchiamo di far rivivere oltre che come mero spazio sportivo anche e soprattutto, in pieno stile Howlers come contenitore culturale ed aggregativo”.

Gli HOWLERS, Taranto

Leave a Reply